Contatti:
Seguici su:

    

Case history: recupero edilizio, a prova di sisma, nel centro storico di Cortemaggiore (PC)

Il restauro di un’architettura posta nel centro storico è un tema di grande interesse progettuale e ogni intervento si può dire una “lezione” a sé. ISOTEX ha contributo al recupero di un edificio residenziale, inserito nella struttura urbanistica ben preservata di Cortemaggiore, un borgo rinascimentale in provincia di Piacenza.

Lo stato di conservazione dell’abitazione a schiera, rimaneggiata nel corso degli anni con interventi non qualitativi e in precarie condizioni statiche, ha convinto i progettisti a optare per una risoluzione radicale: la demolizione dell’esistente e quindi la ricostruzione sulla stessa area secondo il nuovo progetto rispettoso delle attuali normative edilizie e antisismiche (il comune di Cortemaggiore è classificato in zona 3, quindi zona altamente sismica). La casa si sviluppa su due livelli, con la zona giorno a pianterreno e quella notte al piano superiore. Nel dettaglio costruttivo, l’edificio presenta fondazioni in c.a., copertura e solai in legno lamellare e una tipologia strutturale a pareti in calcestruzzo debolmente armato, in riferimento alla valutazione dell’azione sismica e alle verifiche di resistenza dei materiali. In particolare, per la realizzazione della muratura armata, sono stati impiegati blocchi cassero in legno cemento mineralizzato Isotex (certificazione bioecologica ANAB) , armati con barre di acciaio B450C orizzontali e verticali e gettata di calcestruzzo con classe di resistenza C 25/30 (Rck 300 kg/cmq). Lo strato isolante in grafite di 14 cm, posto in modo continuo all’interno del blocco fra le due parti in legno cemento, assicura che non si formino ponti termici e garantisce valori ottimali di trasmittanza termica e fonoassorbenza. L’esito sono prestazioni elevate in termini di isolamento termico e acustico . Come ulteriore azione di progetto, l’armatura delle pareti è stata potenziata in corrispondenza di porte e finestre, per rinforzare la struttura nei punti più vulnerabili rispetto ai carichi statici e all’azione dinamica prodotta dal sisma.