Contatti:
Seguici su:

                    

Isotex, sicurezza antincendio a 360°. Case sicure da vivere

Quando si costruisce una casa ci sono molti aspetti che un costruttore deve tenere in considerazione: la sicurezza antisismica, il risparmio energetico, l’inerzia termica, l’isolamento acustico, la permeabilità al vapore. Spesso viene tralasciata una caratteristica che – invece – dovrebbe essere messa in cima alla lista: la sicurezza antincendio.

Le principali cause di incendi nelle case

Per capire quanto sia importante la sicurezza antincendio all’interno (o all’esterno) delle mura domestiche cerchiamo di inquadrare il fenomeno degli incendi. Le case sono, infatti, le strutture più vulnerabili, quelle che pagano il prezzo più alto in termini di danni e, purtroppo, anche di vittime. Si stima che all’anno siano tra i 30.000 e i 50.000 i casi di incendi di natura domestica, una cifra considerevole.

Quali sono le cause più frequenti? Al primo posto c’è il malfunzionamento degli apparecchi di cottura e di riscaldamento, poi problemi di origine elettrica (sovraccarico, corto circuito), infine fiamme libere come sigarette e candele.

Come prevenire? Andando a lavorare principalmente su tre fronti:

  1. Riducendo le possibili fonti di innesco, ad esempio utilizzando apparecchi con dispositivi di controllo
  2. Educando il cittadino e le imprese alla cultura della manutenzione degli impianti
  3. Adottando materiale certificato in fase di costruzione.

 

Sicurezza antincendio in fase costruttiva. Il quadro normativo

Soffermiamoci sul punto n°3, la scelta dei materiali. Questi giocano un ruolo fondamentale nella prevenzione e nella diffusione dell’incendio e sono regolati dal punto di vista normativo. Le NTC 2018 (Norme Tecniche per le Costruzioni) hanno introdotto proprio il requisito di sicurezza antincendio: le imprese sono chiamate a realizzare edifici stabili anche a fronte di eventi eccezionali e devono costruire in modo da limitare la propagazione di fuoco e di fumo.

Sempre in materia di sicurezza antincendio si inseriscono anche le classificazioni denominate resistenza al fuoco e reazione al fuoco. La prima attesta la capacità di un sistema o di un materiale di resistere al fuoco per un determinato tempo. Le sigle (dette “Normativa REI”) sono di diverso tipo: 10, 15, 20, 30, 45, 60, 90, 120, 180, 240, 360 e il numero rappresenta – in minuti – il tempo di resistenza al fuoco, in quanto stabilità, tenuta al fumo e isolamento termico. La reazione al fuoco, invece, rappresenta il comportamento al fuoco di un materiale che, per effetto della sua composizione, può alimentare o rallentare la propagazione del fuoco. Viene classificata con degli indicatori da 0 a 5, dove 0 indica un materiale non combustibile.

Sempre in ambito legislativo il decreto DM del 25 gennaio 2019 introduce ulteriori e importanti paletti ai requisiti antincendio delle facciate, elemento architettonico sempre più importante, sia a livello estetico che funzionale, anche grazie all’introduzione del Superbonus 110%. Il decreto del 2019 afferma che, per gli edifici di altezza superiore ai 12 metri, sono necessari materiali e sistemi costruttivi in grado di ridurre il rischio di innesco e la propagazione degli incendi. Sono quindi richiesti materiali resistenti al fuoco, almeno di classe 1 di reazione.

Parametri, questi, cruciali nella scelta dei materiali, come alcuni tristi episodi hanno dimostrato, ad esempio l’incendio alla Torre del Moro a Milano e le Grenfell Tower di Londra nel 2017.

Sistema costruttivo Isotex: sicurezza antincendio

Nonostante le soluzioni progettuali siano fissate per legge, vi è una grande difficoltà per costruttori e progettisti nell’orientarsi nella scelta di materiali e isolanti. Isotex è una soluzione sicura e affidabile: un unico sistema costruttivo per ottenere una piena sicurezza antincendio, grazie a una serie di caratteristiche strutturali e tecniche:

  • I blocchi sono un conglomerato di legno cemento, dove il legno viene sottoposto a un processo di mineralizzazione naturale, quindi è inattaccabile dal fuoco (oltre che da muffe e parassiti).
  • I blocchi sono tutti certificati REI 120 e i solai REI 240.
  • I blocchi hanno un nucleo in calcestruzzo armato protetto dal legno cemento, mantengono quindi capacità portante e non si danneggiano. L’edificio non perde stabilità e non crolla.
  • Il sistema costruttivo Isotex ha ottenuto la certificazione di reazione al fuoco B-s1-d0: è difficilmente infiammabile, con livello 1 di emissioni di fumi.
  • La nostra parete Isotex è stata testata con la prova di comportamento al fuoco di facciata Lepir2, ottenendo eccellenti risultati per quanto riguarda la propagazione del fuoco in facciata che per la mancata emissione di gas tossici e nocivi per l’uomo.
  • Infine i blocchi e i solai Isotex sono stati sottoposti a specifici studi di resistenza all’esplosione dall’illustre Prof. Claudio Ceccoli dell’Università di Bologna che hanno confermato come in caso di esplosione l’edificio non crolla.

Concludendo, il sistema costruttivo Isotex, soddisfa ampiamente tutti i requisiti della normativa italiana e garantisce agli edifici una completa sicurezza e prevenzione degli incendi.

Altri vantaggi del sistema costruttivo Isotex

Oltre a garantire una totale sicurezza antincendio, il sistema costruttivo Isotex ha altri importanti vantaggi che lo rendono estremamente competitivo, come le finiture esterne. Solitamente per coibentare termicamente un edificio viene applicato all’esterno uno strato consistente di isolante (il cosiddetto “cappotto”). Questo tipo di cappotto esterno, però, si può danneggiare facilmente a seguito di eventi atmosferici (come grandine e temporali) o anche per banali inconvenienti (come delle semplici pallonate).

Il sistema costruttivo Isotex, invece, prevede l’inserimento dell’isolante all’interno dei blocchi cassero in legno cemento e ciò garantisce la massima protezione dal fuoco, da qualsiasi tipo di evento atmosferico, ha un’ottima traspirazione e un’eccellente coibentazione. Il tutto senza bisogno di manutenzioni ed è durevole nel tempo.

Il cappotto protetto all’interno dei blocchi cassero Isotex garantisce un ottimo aggrappo e tenuta per intonaci e collanti, può quindi essere rivestito con mattoncini a vista, piastrelle o pietra, rendendo ancor più piacevole l’estetica dell’edificio, e creare anche pareti ventilate.

Varie fasi di lavorazione per rivestimento in Gres porcellanato (BOLOGNA)

Applicazione di listelli (PARMA)

Applicazione perlinato e pietra (LITUANIA)

Applicazione marmo (PARMA)

Infine Isotex rappresenta per i costruttori una soluzione efficace per quanto riguarda la velocità e la semplicità di posa e la riduzione dei costi. I prodotti Isotex, infatti, sono stati progettati nel tempo per ridurre notevolmente l’impiego di manodopera: con un’unica operazione di posa semplice e veloce si soddisfano tutte le caratteristiche previste dalle norme vigenti, quindi sicurezza antisismica e antincendio, isolamento termoacustico. Tutto ciò si traduce nell’impiego di meno manodopera (carpentieri, muratori, posatori, ecc.) e, di conseguenza, in un risparmio economico